La sarcoidosi è una patologia infiammatoria sistemica ad eziologia sconosciuta, contraddistinta dalla formazione di agglomerati cellulari (granulomi) in uno o più organi. La sarcoidosi può presentare un andamento autolimitante e scomparire nell’arco di alcuni mesi, o può cronicizzare. Nelle forme più gravi, la sarcoidosi può essere fatale: è il caso della variante cardiaca. Non tutte le forme di sarcoidosi sono sintomatiche: alcuni pazienti, infatti, sono ignari della malattia fintantoché non viene loro diagnosticata mediante semplici analisi di routine. Si stima che la sarcoidosi decorra in modo asintomatico nel 5% dei pazienti affetti. Quando si manifestano, i sintomi possono coinvolgere uno o più tessuti/organi, in base alla sede anatomica colpita.

La Sarcoidosi è più comune nelle donne

La storia familiare può aumentare la probabilità

Si raccomanda la visita al pronto soccorso nei casi più gravi

Una dieta sana aiuterà a mantenere il corpo in salute e a controllare la risposta infiammatoria del corpo, cosa che può contribuire a contrastare i sintomi della sarcoidosi. Mangiare sano è fondamentale, scegliendo prodotti freschi, proteine magre e cereali integrali. Basare l’alimentazione su prodotti freschi e cereali integrali può aiutare a gestire la malattia.
Pertanto bisogna:

• Prediligere la frutta fresca, verdura, cereali integrali, pollame, pesce, legumi, frutta secca, tofu, e latticini a basso contenuto di grassi.

N.B. La carne rossa va evitata perché può scatenare infiammazioni. Quindi è bene scegliere alternative più magre alla carne rossa per ridurre l’infiammazione. Delle ottime fonti proteiche alternative sono pollame, pesce, tofu, legumi e frutta secca.

Usare oli vegetali per cucinare quali:
OLIO D’OLIVA EXTRA VERGINE A CRUDO, contiene i grassi buoni che aiutano a ridurre l’infiammazione. I grassi buoni sono sani, perché possono ridurre il rischio di malattie cardiache e del diabete di tipo 2 o diabete alimentare.

Mangiare cibi ricchi di antiossidanti per contrastare l’infiammazione. Quindi frutta e verdura fresca, che oltre a fare bene alla salute in generale, probabilmente aiuterà ad alleviare i sintomi della sarcoidosi. Esempio pomodori, ciliegie, mirtilli, peperoni e zucche.

Anche altri tipi di frutta e verdura forniscono antiossidanti, da mangiare tutti i giorni. Scegliere alimenti ricchi di magnesio e a basso contenuto di calcio per bilanciare l’apporto di nutrienti.

N.B. La sarcoidosi può causare livelli elevati di calcio perché stimola il corpo ad assorbire la vitamina D più velocemente, questo potrebbe ridurre i livelli di magnesio. Pertanto, per mantenere i minerali in equilibrio, bisogna mangiare cibi che contengono molto magnesio ma poco calcio. Esempio: crusca, avena, mais, orzo, riso integrale, soia, patate e banane.

• Eliminare gli alimenti lavorati e lo zucchero perché scatenano infiammazioni. Questi cibi possono avere un impatto negativo sulla salute e attivano la risposta infiammatoria del corpo. Inoltre, spesso mancano di sostanze nutritive. Quindi bisogna eliminarli dalla dieta. Per esempio, non mangiare snack confezionati, pane raffinato, prodotti da forno, pasta e dolciumi.

• Eliminare la caffeina e l’alcol. Non assumere caffè, tè, cioccolato e bevande alcoliche, perché provocano infiammazioni. Evitare queste sostanze può aiutare a controllare i sintomi della sarcoidosi. Sostituire il caffè normale con quello decaffeinato e il tè con quello deteinato. Bere almeno 2 litri di acqua al giorno per mantenere il corpo ben idratato. Anche la frutta e le zuppe aiutano a mantenere l’idratazione!

• Assumere integratori di omega-3, come l’olio di pesce. Gli omega-3 sono antinfiammatori naturali, quindi possono aiutare le persone che hanno la sarcoidosi. Prendere giornalmente un integratore a base di olio di pesce o semi di lino.

N.B. IL MIO CONSIGLIO E’ DI ASSUMERLI GIORNALMENTE MA… INVITO SEMPRE LA PERSONA CHE SOFFRE DI SARCOIDOSI DI PARLARNE CON IL PROPRIO SPECIALISTA AFFINCHE’ DIA L’ASSENSO. LAVORARE IN EQUIPE E’ L’IDEALE PER IL BENESSERE DEL PAZIENTE!

Dott.ssa Anna Pietramala

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *