DIFENDIAMO LA NOSTRA SALUTE ANCHE IN TEMPO DI SARS-COV 2

Molti uomini pensano che l’osteoporosi sia un problema che riguarda solo le donne e di essere pertanto immuni ma questo è un errore che determina un ritardo nella diagnosi della malattia.Certamente la malattia colpisce di più il sesso femminile ma negli uomini ha un impatto spesso più grave e devastante. Si stima che in tutto il mondo circa un uomo su cinque, sopra i 50 anni, prima o dopo subirà una frattura da fragilità e nella maggior parte dei casi la malattia non viene diagnosticata e trattata. Per gli uomini il rischio di andare incontro ad una frattura da osteoporosi nell’arco della vita (può arrivare al 27%) è superiore a quello di sviluppare un tumore alla prostata (11,3%).

POCHI NE SONO CONSAPEVOLI
Come per le donne, il tasso di mortalità, dopo una frattura di femore aumenta con l’età ed è maggiore nei 12 mesi dopo l’evento; negli uomini questo evento può accadere nei primi sei mesi ed è circa il doppio. Gli uomini, quindi, dovrebbero essere consapevoli del rischio che corrono e cercare di prevenire questa malattia, così come le donne.

VANTAGGI DI PARTENZA
L’età di insorgenza: il rischio per gli uomini scatta dopo i 60 anni mentre per le donne scatta dopo i 50 o prima, per le menopause precoci o indotte. La massa ossea maschile è più alta già in partenza e non si “misura” col brusco calo degli estrogeni tipico della menopausa, ma con quello del testosterone, più lento e graduale, che scandisce l’andropausa.

SEGNALI SPIA

  • fratture da traumi dovute a incidenti lievi
  • abbassamento della statura anche di pochi centimetri

FATTORI DI RISCHIO MODIFICABILI
Fattori che possono contribuire a demineralizzare lo scheletro:

  • fumo di sigarette
  • alcolici
  • farmaci a base di cortisone ed ormoni tiroidei
  • carenza di testosterone (ipogonadismo primario o secondario)
  • terapia di deprivazione androgenica (ADT), trattamento utilizzato, in alcuni casi, per combattere il cancro della prostata
  • malattie croniche (diabete, celiachia, artrite reumatoide)

In presenza di questi fattori di rischio, un uomo tra i 50 e i 60 anni dovrebbe essere sottoposto ad una MOC per valutare la densità ossea; dopo i 60 anni dovrebbe comunque programmare una MOC. “GLI UOMINI, PER L’OSTEOPOROSI, PARTONO IN VANTAGGIO MA ARRIVANO ALLA DIAGNOSI CON RITARDO” Per dubbi, consigli o percorsi diagnostici è opportuno parlare col Medico Curante o con gli Specialisti dello Studio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *