#ProgettoPrevenzioneÈSalute #SpecialeEcografia

Permette di valutare la morfologia delle parti molli, scheletriche, articolari (spalle, caviglia, ginocchio ecc.)

Indicazioni:
L’applicazione principale dell’ecografia muscolo-scheletrica o muscolo tendinea è certamente la ricerca di eventuali interruzioni delle fibre per eventi traumatici (ad esempio strappi muscolari, distorsioni, lussazioni) o patologie degenerative (ad esempio periartrite scapolo –assiale, le lesioni legamentose della caviglia). Una più recente applicazione dell’ecografia muscolo-scheletrica è lo studio dei legamenti collaterali e rotulei del ginocchio. Ulteriore applicazione è lo studio delle articolazioni della spalla, anca, caviglia e ginocchio, con particolare interesse verso le cartilagini e le sinoviali (le strutture muscolo-tendinee componenti l’articolazione e del tessuto che riveste le superfici articolari).

Cosa si vede:
Con l’ecografia muscolo-tendinea, come dice il termine, è possibile evidenziare tutte le patologie a carico dei muscoli o dei tendini, alcune patologie articolari, le borse, i tessuti sottocutanei. È l’esame di prima scelta in caso di contusioni, stiramenti e strappi muscolari, di tendinite (al gomito, ginocchio, piede, mano, polso, caviglia, tendine di Achille), di tendinopatie della spalla, di esiti di borsiti, ematomi sottocutanei o intramuscolari.

Preparazione all’esame:
Non serve una particolare preparazione al momento dell’esecuzione dell’esame. Il paziente deve recare in visione gli esami effettuati in precedenza (ecografie, lastre, altri esami) utili per la valutazione del caso in esame anche in termini di evoluzione nel tempo. Per permettere una valutazione ecografica esaustiva, è inoltre di fondamentale importanza che sia chiaro ed indicato il “quesito clinico”, con tale termine si indica la diagnosi già accertata o sospettata, oppure il sintomo prevalente, questo per ricevere dal medico ecografista una risposta precisa.

Cosa non si vede:
L’ecografia muscolo-scheletrica non è in grado di vedere le ossa ed i crociati del ginocchio in modo esaustivo. Non è un esame panoramico, per cui è possibile studiare solo alcuni settori per volta, a differenza, per esempio, della RM che dà la ricostruzione spaziale di interi distretti corporei con tutte le strutture in esse presenti. È sempre indispensabile una accurata valutazione clinica da parte del medico richiedente, che dà all’ecografista il sospetto clinico.

Coordinatore del progetto
Dott. Cosmo Sammarra

Per saperne di più prenota una visita:
⌚️ Nuovi Orari: Dal Lunedì al Giovedì 9:00/12:00 – 15:00/18:00 – Venerdì 09:00/12:00
📞 Tel. 0984 465176 – 348 3706023
📧 E-Mail: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *