Inquadramento clinico ed orientamenti diagnostici

Cos’è:
È un disturbo dell’organo dell’equilibrio che determina una sensazione di movimento (se in piedi) o di caduta se si sta camminando.

Cause:

  • Malattie sistemiche
  • Farmaci
  • Problemi del sistema nervoso
  • Disturbi a livello dell’orecchio

La sensazione di vertigine ha un grosso impatto emotivo e psicologico nel paziente.

Classificazione:
A) Vertigini soggettive, cioè il paziente ha la sensazione di muoversi anche se è fermo
B) Vertigini oggettive, si ha la sensazione che l’ambiente intorno al paziente si stia muovendo

In base alle strutture interessate possiamo distinguere:
1) Vertigini periferiche dovute ad un problema dell’apparato vestibolare ove risiede l’organo dell’equilibrio; queste vertigini hanno spesso un esordio improvviso e violento, il paziente ha la sensazione di girare intorno a sè stesso, a questo si associa nausea e vomito. Il paziente non riesce a stare in piedi, in questo gruppo rientra:

A) La “vertigine posizionale benigna”, la forma più frequente; il sintomo viene avvertito dopo un cambio di posizione della testa; è accompagnata, spesso, da nausea e più raramente vomito; dura circa 30 secondi e sparisce quando la testa sta ferma. Spesso si associa anche il nistagmo (movimenti involontari dell’occhio); colpisce più frequentemente persone adulte o anziani, può non avere cause apparenti oppure potrebbe essere collegata a:

  • Infezioni dell’orecchio
  • Chirurgia dell’orecchio
  • Ferita al cranio
  • Prolungato periodo di riposo (convalescenza da una malattia)

Può durare giorni, settimane, mesi.
Il trattamento più utile è il riposizionamento degli otoliti

B) Vertigine post trauma: una frattura del cranio può produrre una vertigine intensa, associata a nausea e spesso perdita dell’udito
C) Vertigine da labirintite: infezione dell’orecchio interno; può essere accompagnata da febbre, nausea, vomito, acufeni
D) Vertigine da neurite vestibolare: gli attacchi durano ore, è accompagnata da nausea, acufeni e spesso riduzione dell’udito.
E) Vertigine da patologia cervicale: difficoltà nell’equilibrio, dolore al collo

Vertigini da farmaci:

  • Aminoglicosidi
  • Antinfiammatori
  • Inibitori della fosfodiesterasi
  • Furosemide

Vertigini centrali:

  1. Problemi di circolazione (ipotensione ortostatica, arteriosclerosi), ipercolesterolemia, problemi cardiaci
  2. Emicrania
  3. Malattie neurologiche: sclerosi multipla, tumori, neurinoma dell’acustico
  4. Ischemia cerebrale
  5. Ansia
  6. Allergie
  7. Altre cause (stress, ipoglicemia, abuso di alcol e droghe, intossicazione da monossido di carbonio)

Pericoli delle vertigini:

  • Rischio di cadere
  • Danni a se stessi e a terzi nell’uso di automezzi

Specialisti coinvolti nella diagnosi e nel trattamento:

  • Otorinolaringoiatra
  • Oculista
  • Neurologo
  • Cardiologo
  • Fisiatra
  • Psicologo

Esami ed accertamenti utili:

  • Esame vestibolare
  • Audiometria
  • Elettronistagmografia
  • Esame del sangue
  • ECG
  • Esami di diagnostica per immagini (RX-TAC-Risonanza)

Per conoscere il profilo professionale degli specialisti sopra elencati, basta entrare nel sito dello studio e cliccare su “Specialisti”

Le informazioni di cui sopra rivestono caratteri generali e non vogliono sostituirsi ai consigli e prescrizioni del Medico curante o specialista.

Per informazioni o prenotazioni:
Studio Medico Sammarra
Via Giorgio De Chirico 89/C – Saporito di Rende (CS)
Telefoni: (+39) 0984 465176(+39) 348 370623
E-Mail: [email protected]
Sito Web: www.studiomedicosammarra.it

Progetto “Prevenzione è Salute”
Responsabile dr Cosmo Sammarra

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.